L’intervento del Segretario Regionale Delio Zanzottera nel corso della tavola rotonda dal titolo “Piccole imprese tra fragilità e resilienza”.

“Una delle questioni centrali riguarda la stabilità economica. Nonostante segnali di stabilità nel breve termine, un numero sempre maggiore di imprese sembra sprofondare in una situazione di incertezza. L’indice delle performance economiche mostra un rallentamento nell’aumento del fatturato e degli investimenti, un campanello d’allarme che evidenzia la necessità di strategie più dinamiche. Un aspetto positivo è l’accentuato interesse nel potenziare il capitale umano.

Le imprese sembrano aver puntato sulla formazione del personale, riconoscendo il valore di una forza lavoro competente e motivata. Tuttavia, questo è contrapposto a un ridimensionamento degli sforzi nell’innovazione di processo e prodotto, probabilmente a causa di margini ridotti e costi elevati.

La questione del passaggio generazionale e della continuità aziendale è un nodo cruciale che richiede attenzione. Molti imprenditori sembrano ignorare questa problematica o non avere una chiara strategia su come affrontarla. Questo atteggiamento potrebbe avere ripercussioni non solo sull’azienda stessa ma anche sulla comunità, i dipendenti e i fornitori.

Inoltre, la tendenza a gestire questa transizione in modo isolato potrebbe limitare le opportunità di crescita e innovazione. Un’approccio più aperto alla collaborazione strutturata e alla pianificazione a lungo termine potrebbe rivelarsi cruciale per garantire una transizione generazionale fluida e la continuità delle attività aziendali.

La suddivisione delle imprese in «fragili» e «resilienti» evidenzia le disparità. È essenziale promuovere una mentalità imprenditoriale aperta al cambiamento e all’innovazione. Inoltre, occorre incoraggiare una pianificazione più attenta per garantire una transizione generazionale senza intoppi e una continuità aziendale stabile nel lungo termine.

Il panorama delle piccole e micro imprese piemontesi si presenta come un tessuto variegato di realtà che affrontano sfide diverse. La chiave per il successo futuro risiede nell’adozione di strategie dinamiche, nella promozione di una cultura innovativa e nella consapevolezza della necessità di un passaggio generazionale e una continuità aziendale ben pianificati. Questo non solo garantirà la sopravvivenza delle imprese, ma contribuirà anche alla crescita economica e sociale della regione”.

Condividi questo articolo

Articoli simili