“CNA Piemonte ribadisce il Sì alla Tav perché – confermano il presidente regionale Fabrizio Actis e il segretario Filippo Provenzano – siamo certi dei vantaggi che continuare la realizzazione di quest’opera può portare al sistema economico e sociale italiano.

Il primo vantaggio è di natura strategica, poiché la TAV è un segmento di un corridoio europeo che garantisce collegamenti internazionali fondamentali alla nostra economia.

Il secondo vantaggio risiede nel volano economico-occupazionale già in essere che si è attivato per la realizzazione dell’opera.

Ecco perché ancora una volta diciamo Sì alla Tav, insieme alle infrastrutture previste negli altri territori provinciali, dall’Asti-Cuneo al terzo valico”.

“Il tema delle infrastrutture come fattore di sviluppo per il territorio piemontese per noi è così fondamentale tanto da esser stato al centro del nostro ultimo dibattito congressuale regionale nel 2017 e abbiamo partecipato a tutte le manifestazioni promosse dalle associazioni d’impresa a Torino e a livello nazionale per sostenere un piano di investimenti nelle infrastrutture. Anche questa volta siamo pronti a farci parte attiva per altre iniziative di merito”, continuano il presidente e il segretario di CNA Piemonte.

“Chiediamo che la maggioranza di Governo trovi le opportune mediazioni alla luce di quanto emerso dagli esiti dell’analisi costi-benefici per continuare a realizzare questo collegamento internazionale – concludono Fabrizio Actis e Filippo Provenzano -. E facendoci portatori di queste motivazioni, domani, 14 febbraio alle 14, parteciperemo alla Conferenza Stampa convocata dai rappresentanti del sistema delle imprese, del lavoro, della cooperazione e delle professioni di Torino e del Piemonte insieme al Commissario di Governo Paolo Foietta“.