È stata ufficialmente prorogata la scadenza del bando “WeCare – Progettazione e attivazione di interventi di welfare aziendale”. La misura ha l’obiettivo di finanziare la progettazione e l’attivazione di interventi di welfare aziendale con particolare riguardo verso iniziative inter-aziendali e di apertura verso il territorio. La scadenza – inizialmente prevista per il 29 novembre – è ora fissata per il 27 febbraio 2020.

Il bando mette a disposizione complessivamente 2.5 milioni di euro, con un cofinanziamento obbligatorio pari ad almeno il 20% delle spese complessive per il progetto; il valore di ciascuna proposta deve essere compreso tra i 60.000 e i 200.000 euro.

Le proposte legate al bando “Progettazione e attivazione di interventi di welfare aziendale” potranno essere presentate da Piccole e Medie Imprese singole o raggruppate in Associazioni Temporanee di Imprese (costituende o già costituite) e da grandi imprese, a condizione che il piano di welfare aziendale sia disegnato in modo tale da essere messo a disposizione del territorio di riferimento. I progetti proposti dalle grandi imprese dovranno basarsi su una forte condivisione con enti pubblici e soggetti locali, in particolare quelli coinvolti nella misura 1 della strategia WeCaRe sulla sperimentazione di azioni innovative di welfare territoriale, o dovranno configurarsi come forme di integrazione/sinergia con iniziative di welfare locale e di comunità già esistenti o fase di definizione.